Favismo e regole da seguire

Il favismo è una sorta di anemia dovuta al deficit genetico dell’enzima glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, questo enzima serve a proteggere i globuli rossi dallo stress ossidativo.
Questo difetto è molto diffuso e può portare a crisi emolitiche, cioè rottura di globuli rossi in seguito all’ingestione di fave e derivati o all’inalazione della pianta Vicia Faba; inoltre le crisi possono essere provocate anche da alcuni farmaci.

Se non ci sono i fattori scatenanti, la malattia non si manifesta e il soggetto che ne è affetto può condurre una vita normalissima.
Esistono delle regole dietetiche fondamentali per chi è affetto da favismo: non bisogna ingerire fave, non inalare il polline della pianta il che vuol dire che è meglio evitare di passeggiare in campi di fave o nei punti vendita nella sezione dove vengono esposte fave e legumi derivati.
E’ consigliata molta prudenza nel consumare fave e pesche acerbe mentre tutte gli altri tipi di legumi possono essere consumati senza problemi e senza pericolo che questi possano scatenare una qualche reazione grave.

Bisogna sempre prestare molta attenzione a ciò che si acquista e verificare sull’etichetta del cibo se sono presenti fave o piselli, soprattutto se si tratta di minestroni surgelati o verdure miste cotte o precotte.
Chi è affetto da favismo deve fare anche molta attenzione durante la pratica di sport, adottando delle precauzioni particolare per limitare lo sforzo muscolare che comporta un aumento dello stress ossidativo.
Un soggetto affetto da favismo può svolgere attività sportiva composta da esercizi di bassa/media intensità e durante tutto il periodo di allenamento dovrà assumere integratori vitaminici che contengano elevate quantità di antiossidanti

La ricerca di questi ultimi anni ha dimostrato che le molecole più efficaci sono il selenio, l’acido lipoico, il glutatione, la vitamine E ed i composti fenolici.
Se si soffre di questo deficit è importante, in ogni caso, rivolgersi al proprio medico di fiducia prima di iniziare a praticare sport, in questo modo sarà lui a valutare la situazione e a decidere che tipo di intensità fisica il soggetto può sopportare e che tipo di integratori deve assumere per evitare lo stress ossidativo del corpo.